Categoria: La Relazione di Coppia

Genitori Narcisisti: conoscere le conseguenze psicologiche dell’abuso narcisistico sui figli

Conoscere il genitore narcisista e le conseguenze del narcisismo sui figli

Questo articolo è dedicato a TUTTE E VITTIME DI GENITORI AFFETTI DA NARCISISMO PATOLOGICO che ho incontrato lungo il mio cammino e che ho aiutato; a tutte quelle anime spezzate, quei cuori aridi, quei vuoti incolmabili , quei percorsi di sofferenza.. a tutti quei bambini abusati di ieri e adulti che oggi non si conoscono e fanno fatica ad AMARSI.

A tutti coloro che si sono nascosti in una sfera di vetro, in cui ascoltare solo il silenzio, lontano dalle urla, lontano dal dolore, a tutte quelle persone che si sentono in colpa perchè ESISTONO o perchè SONO NATE, che non hanno mai conosciuto amore, che non sanno cosa sia e non sanno riconoscerlo e per questo ancora oggi, cadono preda di manipolatori emotivi.

A tutti coloro che si sentono sbagliati, in cerca di un  amore da cui fuggono…

e in particolare a

VALERIO.

Dr.ssa Silvia Michelini

Si parla spesso di narcisismo e di dinamiche relazionali tossiche nella relazione di coppia, ma spesso si dimentica di analizzare come queste dinamiche di relazione si ripercuotano sui figli.

Le dinamiche affettive e relazionali infatti, sono interiorizzate dai figli sotto forma di “copioni”, schemi di relazione, stili di attaccamento e si ripercuotono positivamente o negativamente sulla loro vita affettiva.

Ognuno di noi può facilmente rendersi conto di come certe paure, schemi di comportamento, sensazioni, emozioni “scattino in automatico” funzionino come una “coazione a ripetere” di copioni familiari già vissuti.

Non basta rendersi conto che quello che abbiamo vissuto in famiglia è sbagliato, ci ha fatto soffrire e non vogliamo riattuarlo per essere salvi; questi schemi sono inconsci, atavici e scattano in ogni situazione che riattiva quel pattern emotivo e di comportamento, soprattutto quando ci si trova ad incarnare il ruolo del marito/moglie o genitore e per questo identificarsi inconsciamente con il genitore abusante (sia da un punto di vista fisico o emotivo) è facile.

Continua a leggere →

Il sesso come danza

La sessualità è una danza sincronica alla base della quale c’è una condivisione di emozioni, la percezione di accessibilità dell’altro, la sensazione di sicurezza.
Se vi è evitamento, isolamento, paura, il sesso diviene fine a se stesso, consolatorio, “evitante le emozioni”.

“Il sesso è una conversazione in altri termini”.

Il sesso è  un dialogo emotivo sincronico.
Il sesso non può essere scisso dalla sensazione di trovarsi al sicuro.

La dottoressa Silvia Michelini sarà presente al convegno internazionale SESSUALITÀ E RELAZIONI, che si terrà a Roma il 22/23/24 aprile, grazie all’Istituto di Scienze Cognitive.

Il metodo Lei e Lui ideato dalla dottoressa Michelini si focalizza sullo stile di attaccamento (sicuro/insicuro-evitante/ambivalente) con l’obiettivo di sostenere i partner nella scoperta di una vera intimità, fatta di condivisione, sensazione di sicurezza e capacità di intercettare i segnali emotivi dell’altro, come in una danza sincronica di EMPATIA E AFFETTIVITÀ, contraria alla visione narcisistica della coppia incentrata solo sul sesso come consolazione conferma egoica e prova del proprio valore come donna/uomo.

Se anche tu sei stanco di litigare, sentirti solo all’interno della coppia, in un continuo paradosso di avvicinamenti ed allontanamenti. Se anche tu senti di indossare un’armatura.

ricorda che puoi ancora sentirti LIBERO/A E VIVO/A.

contattaci per richiedere una consulenza

3398873385 – psicologiacoppia@gmail.com
Continua a leggere →

Narcisisti patologici e Dipendenti Affettivi: vittima e carnefice, uscire da una relazione patologica, curando il NOSTRO narcisismo.

Perché mi innamoro sempre di partner narcisisti e manipolatori?

crepaccio

Uscire da una relazione patologica, curando il nostro narcisismo.

Alla base della relazione perversa narcisistica troviamo sempre qualcuno che tenta di controllare dall’interno un altro, inducendolo ad essere perfetto per i suoi bisogni, e qualcun altro che tenta disperatamente di essere perfetto per i bisogni dell’interlocutore, tentando così, a sua volta, di controllarlo dall’interno. In pratica, il narcisismo dell’uno tenta di controllare il narcisismo dell’altro, e viceversa.

Roberto Filippini –  Avventure e sventure del narcisismo

Quello che probabilmente ancora non sai è che la dipendenza affettiva, spesso non è altro che una forma inversa di narcisismo, semplicemente invece che il ruolo del persecutore, abbiamo scelto quello della vittima.

Vittima e carnefice si compensano, se l’uno smette di esistere smette di esistere anche l’altro.

relazione-logora

Se tendi ad incontrare sempre lo stesso tipo di partner (evitante, svalutante, abusante, anaffettivo, manipolatorio, distanziante, ossessivo..) forse sei alle prese anche tu con il narcisismo, il tuo e quello degli altri.

Quando pensiamo al narcisismo ci viene subito in mente qualcuno di molto vanitoso e pieno di se, eppure con questo termine, si fa riferimento a molti aspetti che riguardano le relazioni e in particolare “la maturità affettiva”.

Se pensiamo a un narcisista, ci viene in mente una personalità ben specifica (il narcisista manipolatore di cui si parla spesso in questo sito – al maschile o al femminile non conta), ma quello che non sai ancora è che anche chi si innamora di un/una narcisista “pecca” di narcisismo, semplicemente la forma di narcisismo di chi ama un narcisista è una forma più matura, che diremmo ha la possibilità di migliorare perché parte dall’illusione infantile di riabilitare la propria figura genitoriale o ancor peggio di realizzare il sogno infantile edipico di amore perfetto, idealizzato che si sintetizza nella formula magica, che di magico ha spesso solo l’ardire di distruggervi “IO TI SALVERO’”.

Se incontri solo partner narcisisti, anche tu forse, sei vittima di una forte immaturità psicologica ed affettiva che ti porta a cercare attraverso un partner di colmare i tuoi vuoti, guarire le tue ferite o semplicemente, di conquistare, dominare, cambiare, riabilitare quel genitore abusante, svalutante o anaffettivo che probabilmente in infanzia hai subito e che ha contribuito a determinare in te questa fortissima insicurezza ed ambivalenza verso l’amore.

i-narcisisti

Chi sono quindi i narcisisti immaturi ma bonari che si legano ai narcisisti manipolatori, quelli patologici che fanno fatica a riconoscere i propri limiti rispetto a voi, che invece vi mettete sempre in discussione, anche troppo?

Non esiste UNA PERSONALITA’ SPECIFICA, UN’ETICHETTA, UNA FORMULA UNICA.

Qualsiasi personalità può funzionare ad un livello nevrotico, borderline o psicotico, dipende dalla maturità delle difese che mette in atto quando si trova in situazioni che percepisce come fonte di paura, di angoscia e di pericolo.

Quale migliore territorio se non l’amore? e quale peggior pericolo esiste se non l’amore, per coloro che non lo hanno mai realmente conosciuto, ma continuano a cercarlo…e poi dove lo cercano? Dove NON C’E’.

Dove si è sicuri di trovarlo solo momentaneamente o di non trovarlo…così da poter inconsciamente confermare che non ne siamo meritevoli, oppure che l’amore non esiste è pericoloso quindi meglio continuare a restare li fermi dove siamo.

Restare fermi dove siamo ci permette di mantenere intatta la nostra visione idealistica e non rischiare di vivere un amore vero.

Un amore vero, reale, corrisposto infatti ci renderebbe felici, ma nel contempo potremmo perderlo e poi nessuna felicità reale potrà mai soddisfare tutti i criteri dell’amore ideale e romantico.

donne-violente

Ecco che restiamo li, fermi dove siamo e quello stato di fissità èquello della mentalità di un preadolescente arrabbiato e complessato, se siamo fortunati, un adolescente ribelle arrabbiato e inquieto.. se siamo sfortunatissimi un bambino arrabbiato e perennemente insoddisfatto.

Il narcisista patologico fa casistica a parte.. lui/lei lo/la collochiamo tra 0 e tre anni …..ma dove collochiamo te?

tu che ancora sei li a sperare di svezzarlo/a, guarirlo/a, farlo/a felice o che cadi vittima delle sue manipolazioni, delle sue istigazioni a farti sentire in colpa.. beh anche tu devi ammettere che il ruolo di vittima, di crocerossina, di idealista romantico può degenerare in una “dipendenza affettiva”.

Per quanto senti che l’altro è tossico, che l’altro ti depriva, non puoi fare a meno di dipendere dalla fissazione di “assumere” quel veleno, perché speri di fargli cambiare idea, perché speri che se lo/la accontenti quel tanto allora lui/lei finalmente sarà tuo.

Siamo tutti dipendenti se amiamo è vero, ma se esageriamo diveniamo anche noi patologici e quindi un perfetto incastro per il partner svalutante ed abusante.

Preparati quindi a conoscere, accettare ed amare il/la narcisista che è in te.

Probabilmente ancora non sei consapevole delle tue relazioni del passato, non hai ancora elaborato i tuoi schemi di relazione e i tuoi traumi affettivi, per questo le relazioni di oggi, ricalcano quelle del passato, anche se sono state relazioni pessime.

Con molta probabilità anche la relazione che avrai dopo sarà simile alla precedente, anche se inizialmente ti sembra che attraverso questo nuovo partner potrai riscattarti della precedente delusione.

Elaborare i propri schemi di relazione, assumersene le responsabilità implica tempo e spazio, non puoi avere fretta, ma è il momento che tu te ne renda conto e cioè che abbia il desiderio di accrescere il tuo livello di CONSAPEVOLEZZA e ACCETTAZIONE.

Noi amiamo quello che conosciamo nel tentativo di conoscere l’amore che non abbiamo mai conosciuto” (D.rssa Michelini).

14720554_940573339381342_1219613437130407790_n

E’ importante, nel frattempo, che tu impari a tutelarti da una relazione abusante sia se la stai per intraprendere, sia se ci sei dentro fino al collo. PUOI SEMPRE USCIRNE NON E’ MAI TARDI.

  • Basati sui fatti e mai sulle parole che ammaliano, che confondono, che ti fanno sorgere dei dubbi su quello che vedi, senti e provi
  • Non chiuderti, anche se il partner abusante e manipolatorio cerca di fare terra bruciata intorno a te, proprio per evitare che confrontandoti con il mondo esterno tu possa “svegliarti” dal suo incantesimo malefico.
  • Non rivelare troppi aspetti di te alle persone prima di averle conosciute bene, se non sei bravo/a a non cadere nei ricatti affettivi e nelle trappole che i vampiri energetici tendono per poterti parassitare.
  • Se hai avuto un genitore tiranno, anaffettivo, distaccato, assente, ambivalente/intermittente o svalutante stai pur certo/a che hai il lanternino per le relazioni patologiche e che in questa certezza della pena, ti resta solo la libertà di decidere quale ruolo avere, se la vittima, se la crocerossina, se l’idealista romantica… in ogni caso hai un passaporto garantito per il masochismo relazionale.
  • Fai attenzione a chi ti investe completamente della responsabilità di renderlo/a felice o che suscita in te reazioni di allerta, di allarme “devo aiutarlo/a”, “devo salvarlo/a” di chi ha un vuoto esistenziale perenne e che non sembra trarre beneficio da nessun tipo di gioia della vita.
  • Fai attenzione a chi vuole salvarti nonostante tu non ne abbia bisogno e non lo abbia chiesto, che intuisce ciò di cui tu hai bisogno e te lo da prima che tu possa chiederlo, che ti ricopre di regali, ti fa dei favori, acquista per te dei beni, si espone, sembra arrivare come un supereroe/eroina con una cassa di acqua in un arido deserto. Forse un domani tutto questo avrà un prezzo.
  • Se sei in una relazione con un narcisista valuta il suo grado di consapevolezza, se si riconosce ed ammette i suoi limiti ha maggiori probabilità di riabilitarsi se va in terapia.
  • Per sganciarti definitivamente da un manipolatore devi disintossicarti dalla dipendenza e dagli agi economici e non che lui/lei ti ha dato e quindi devi essere pronto/a a dare il giusto valore alle cose e rinunciare ai vantaggi che ti garantisce. Sta a te decidere se conta più la macchina, la casa o TU.

Ma quindi i narcisisti sono MOSTRI?

No non tutti, dipende dal livello di gravità della patologia (da borderline grave a psicotico) e quindi dal livello di maturazione psicoaffettiva. Un narcisista perverso e manipolatore può combaciare con profili di personalità psicotici, antisociali, bipolari e quindi anche criminali: stalker, serial killer..etc.

cropped-lupi-pecora1

Questi sono casi rari, nella maggior parte dei casi, sono persone che soffrono, ma non sono consapevoli quanto noi, sono immaturi relazionali come noi e noi possiamo veramente aiutarli e aiutarci solo uscendo dalla collusione sadomasochistica con loro. Restando non aiutiamo ne’ loro né noi. Spesso non sono pronti per la terapia anzi la disdegano o fanno in modo di sabotarla, con le loro abilità intellettive perché la terapia per te potrebbe essere la salvezza e lui/lei potrebbe essere scoperto nella sua fragilità.

Lui/lei non è il mostro potente che vedi è solo un povero piccolo parassita che ha bisogno di te per esistere e vivere e tu di lui/lei per continuare a lamentarti di quanti stronzi/e esistano al mondo e di quanto sia difficile trovare l’amore vero, di quanto siano ingrati gli altri a cui dai amore, che mancano di RICONOSCIMENTO.. Ricordati che il tuo partner forse, pensa lo stesso di te e continuando a proiettarvi addosso le vostre ombre, non vedrete mai la luce che c’è li, appena dietro l’angolo.

10-types-toxic-relationships

Io e Te una cosa sola: i rischi della coppia affetta da dipendenza simbiotica

IO E TE SIAMO COMPLICI E SAREMO PER SEMPRE “UNA COSA SOLA”

130319498-85352258-b7e3-4c02-8cb3-c181a9e8ae5f

L’idea di VERO AMORE viene spesso associata all’idea di coppia simbiotica e fusionale e cioè formata da due partner, che vedono nella COMPLICITA’e la FUSIONE la base della relazione.
Il desiderio di unione e condivisione è molto forte; indipendenza e autonomia sono valori che sono considerati una minaccia alla coppia e all’amore in genere, per questo i due partner o uno dei due, che ha sull’altro maggiore presa psicologica mira al mantenimento dello stato fusionale.
In apparenza queste coppie sono invidiabili, camminano mano nella mano, si scambiano tenere effusioni, si rivolgono all’altro con nomignoli o soprannomi affettuosi, escono sempre insieme, lavorano o hanno un progetto in comune, condividono tutto e si sentono persi quando l’altro è lontano.
Molti ritengono che questo sia il “vero amore”, quello nel quale non ci sono contrasti apparenti, i litigi e i confronti sono minimi e si è uniti dal reciproco desiderio di fusione; tuttavia questo tipo di relazione è assai pericolosa ed invalidante per sia per la personalitò che per la salute relazionale ed affettiva dei due partner.
Fredu diceva: quando due partner sono sempre d’accordo su tutto, uno dei due sta pensando per entrambi.

Continua a leggere →

Perchè non ti dimostra mai che ti ama? Evitare le emozioni: Come riconoscere se il tuo partner è un “Evitante”

Molti dei miei pazienti, si lamentano della “freddezza” del proprio partner, del suo modo “distaccato” di vivere il rapporto; a tutti noi è capitato di sperimentarsi in una relazione con una persona che vive le emozioni in modo conflittuale o meglio – non le vive, perchè le percepisce come minacciose.

fine-amore

Perchè molte persone sentono che lasciandosi andare in un rapporto, rischiano di “perdersi”? che dimostrando all’altro/a che lo/la amano perdono “potere”?

Perchè alcune di queste persone ricercano un rapporto di coppia stabile, ma poi non sono in grado di godere del rapporto e di dimostrare all’altro i propri sentimenti?

Le ricerche e gli studi sull’attaccamento, dimostrano che può dipendere dalla qualità delle prime relazioni di cui abbiamo fatto esperienza.

Cuori-spezzati-in-ufficio

Ognuno di noi, impara ad amare, basandosi sulle prime relazioni avute in infanzia, in particolare con le prime figure di accudimento.
Il nostro modo di vivere  l’amore dipende molto dal modello di relazione che abbiamo interiorizzato in famiglia ed in particolare con la madre o con altra figura di accudimento, detta “care-giver”.

In poche parole seguiamo un modello di relazione che abbiamo appreso in famiglia, anche se non ne siamo sempre consapevoli e se lo siamo, spesso non riusciamo ad evitare di comportaci in quel modo.

Questo non vuol dire che si possa cambiare, ma è bene considerare questi modelli di base, al fine di divenire adulti affettivamente maturi e consapevoli.

In particolare gli studi Di Bowlby e Mary Ainsworth hanno evidenziato che la relazione tra la madre e il bambino, soprattutto nel primo anno di vita, lascia una traccia indelebile (“imprinting” ) che influenza tutte le successive relazioni.
Se la relazione tra la madre e il bambino/la bambina è solida, calorosa e il piccolo sviluppa fiducia rispetto alla costanza e alla presenza della madre come figura di accudimento valida e stabile sviluppa quello che tecnicamente si definisce attaccamento “sicuro”, se invece la madre non riesce ad entrare in sintonia col figlio/figlia e le sue cure sono state carenti, il bambino/la bambina sviluppa un attaccamento “insicuro”.

1769

I bambini che crescono in un contesto affettivo valido, si sentono amati, sanno che se sono in difficoltà c’è qualcuno che li accoglie, che li comprende e che li guida e per questo sviluppano FIDUCIA NELLE RELAZIONI, perchè si aspettano una risposta positiva dall’altro e qualora ce ne sia una negativa, sanno che l’altro può riparare o farà di tutto per farlo.

Un tipo di relazione così appagante, permette al bambino di crescere con un buon livello di autostima e una buona immagine di sè, come degno di amore, per questo da adulto, saprà anche riconoscere nel’altro emozioni, desideri e bisogni.

La recente fragilità delle unioni e la facilità con cui si disgregano le coppie e le famiglie ha contribuito, purtroppo, ad aumentare il rischio che le relazioni siano sempre meno sicure e stabili e per questo non è difficile confrontarsi con l’insicurezza nelle relazioni a qualsiasi età.

 

Da adulte, le persone con un attaccamento sicuro vivono le emozioni, l’affettività e l’intimità in modo sano ed equilibrato, non se ne sentono minacciate, mentre le persone con attaccamento insicuro hanno un attaggiamento conflittuale verso le relazioni affettive, da un lato le ricercano, dall’altro viverle li costringe a riconfrontarsi con il doloroso ricordo delle relazioni primarie, carenti o fonte di sofferenza.

L’attaccamento insicuro la SFCUOREIDUCIA e il conflitto rispetto alla propria AUTONOMIA
Le persone con attaccamento insicuro non riescono ad avere una relazione appagante perchè non hanno fiducia in se stessi e negli altri.

La mancanza assoluta di fede nel mondo esterno e quindi anche negli altri, dipende dalla sfiducia che queste persone sviluppano nei confronti die loro genitori, che non sono stati in grado, per problemi affettivi, psicologici, familiari etc.. di prendersi cura di loro in modo adeguato e cioè rispondendo in modo adeguato ai loro bisogni di cura, protezione e amore da un alto ed autonomia dall’altro.

Per questo motivo le persone con attaccamento insicuro, hanno un imprinting negativo alle relazioni, che sono quindi percepite come fonte di sofferenza e nella vita affettiva adulta mettono in atto dei “copioni relazionali” abbastanza prevedibili, che hanno appreso in famiglia.

Bowlby ha identificato poi tre tipi di attaccamento insicuro: evitante – ambivalente – disorganizzato.

Oggi parliamo delle persone con attaccamento EVITANTE e cioè quelle che spesso percepiamo come inafferrabili, schive, distaccate e aride di emozioni, sia che siano in una relazione stabile o poco impegnativa.

dipendenza-affettiva2

Gli evitanti sono persone che hanno imparato presto a dover contare solo su loro stessi, perchè i genitori non erano disponibili e li hanno spinti verso un’autonomia troppo precoce.

Il messaggio che questi genitori mandano ai loro figli è che una relazione (madre-figlio/amicale etc..) è limitante per la propria autonomia.

Avvertendo la relazione come una minaccia alla propria autonomia, gli evitanti, nascondono le proprie emozioni, a volte anche a loro stessi, non riescono a stare in una relazione, perchè gli suscita ansia e per questo puntano tutto sulla propria realizzazione personale.

Gli evitanti “single”si “difendono” dal rischio di amare, concentrandosi sui difetti del proprio partner dopo poco che conoscono una persona e vivono quindi relazioni brevi del tutto inconsistenti, che non li coinvolgano emotivamente.

Gli evitanti in “coppia” sono  descritti come egocentrici e concentrati su se stessi; fanno fatica a ragionare come coppia e a costruire un senso del NOI, qualsiasi richiesta da parte dell’altro viene percepita come pressante, quasi come se la certezza del suo amore sia la sua sola presenza, della quale l’altro deve accontentarsi.

Gli evitanti descrivono i loro partner (sebbene normalissimi), come esigenti, lamentosi, sofficanti..etc. e vivono l’intimità emotiva e sessuale come un grande ostacolo, che li costringe a confrontarsi con le vecchie ferite, per questo, spesso di fronte alle richieste di maggiore intimità, rispondono al partner con la noia o con la fuga.

dipendenza_affettiva
Una persona con attaccamento insicuro/ un EVITANTE, può cambiare?

Vivere relazioni sane ed appaganti è il primo scalino per poter sperimentare un affettività più matura, purtroppo non sempre gli evitanti scelgono un partner con attaccamento sicuro, il più delle volte si confrontano con gli AMBIVALENTI, che hanno subito gli stessi traumi infantili, ma che hanno risposto sviluppando un atteggiamento paradossale rispetto alle relazioni: le ricercano per avere conferme continue di amore, che tuttavia sono insufficienti a colmare i loro vuoti e per questo sono perennemente insoddisfatti. Gli ambivalenti inoltre basano la loro carente autostima sulle conferme esterne e per questo, se in relazione con un evitante, rischiano di incappare spesso nel tradimento, nel senso di colpa e nelle eterne lotte di potere, caratteristiche delle coppie disfunzionali.

L’ideale quindi è saper individuare chi ha un attaccamento sano, ma se ci siamo innamorati di qualcuno che invece ha un attaccamento insicuro, non possiamo far altro che pazientare affrontando insieme un percorso di coppia, o individuale focalizzato sulle relazioni e sulla possibilità di sviluppare un’ affettività matura.
matrimoni falliti-02-02-12

Sei interessato/a ad approfondire questo tema?

contattaci

psicologiacoppia@gmail.com

3398873385

D.rssa Michelini

Coppia e figli: il partner non deve passare in secondo piano dopo la nascita dei figli.

Il rapporto di coppia è una relazione che si forma e si rinforza prima della nascita dei figli e in tal senso, ne rappresenta la “culla” sulla quale si baserà la sicurezza emotiva e psicologica dei figli e quindi anche la percezione di maggiore condivisione, dialogo e serenità nella coppia.
La coppia è il luogo, il contesto primario nel quale ogni essere umano sperimenta le relazioni.

pere-1-121447_L

Continua a leggere →

Ricatti affettivi e manipolazioni: se gli altri ci fanno sentire sempre in colpa

Il ricatto affettivo è la peggiore manipolazione psicologica ed affettiva che le persone intorno a noi possano infliggerci.

quale segno
Che si tratti di un familiare, di un partner, di un amico o di un collega, questo tipo di dinamica psicologica assorbe molta energia in noi e ci lascia vuoti, impotenti ed amareggiati.

Come facciamo ad accorgerci se siamo vittime di ricatto affettivo? Continua a leggere →

Sono bisessuale: posso diventare eterossesuale?

images

Nella mia esperienza, mi è capitato molte volte di incontrare persone che si vergognano della loro omosessualità o che sono in conflitto con essa (omofobia interiorizzata o omosessualità egodistonica) e richiedono al terapeuta, di “convertirlo/a” o autarlo/a a prendere una strada univoca e definitiva; ciò capita soprattutto nel caso dei bisessuali, perchè nel loro caso, le strade che si possono scegliere sono effettivamente due.

Molto spesso dietro al conflitto rispetto alla propria omosessualità, c’è la ricerca dell’approvazione sociale e familiare.

Continua a leggere →

Diventare Papà: importanza del ruolo del padre nella nascita e la crescita di un figlio

neonati_10Stai per diventare Papà….anche se lo hai tanto desiderato, non ti senti pronto fino in fondo..hai le tue paure, le tue incertezze, ma temi di mostrarle e molto spesso tendi a nascondere le tue emozioni, a concentrarti solo sugli aspetti pratici, perchè pensi che il tuo ruolo sia meno centrale rispetto a quello della madre, soprattutto durante la gravidanza e nei primi mesi di vita del bambino, ma non è così.

La figura paterna è fondamentale sin dal 1^ mese di gravidanza per il sano sviluppo psicologico ed affettivo dei figli ed è cruciale per il benessere psicologico della madre e della coppia stessa.

Il padre funge da collante nel legame di coppia, da supporto emotivo e pratico per la sua partner e per il nucleo familiare, ma anche da sguardo esterno ed imparziale nella relazione tra la madre e il/la figlio/a.

Un padre si sente spesso escluso, questo perchè partecipa in modo indiretto alla nascita del figlio; inizialmente tutto succede al di fuori di lui: la gravidanza, la crescita del piccolo nel grembo materno, sono aspetti misteriosi che riguardano la madre ed è la madre a decidere o meno se condividerli con lui.

Un padre è spettatore della gravidanza, ma questo suo ruolo secondario è invece di primaria importanza. Continua a leggere →

Sono incinta! Vademecum anti-ansia per future mamme, come combattere gli stereotipi sulla maternità e la gravidanza

Eccovi arrivate al fatidico momento, il test di gravidanza è positivo e vi informa che tra circa 9 mesi sarete mamme!

test-di-gravidanza-positivo1

E’ importante poter vivere questa meravigliosa fase di rinascita e trasformazione del femminile e della coppia stessa, senza lasciarvi contagiare da ansie e paure e acquisendo informazioni reali ed utili per affrontare questo periodo di gioia, ma anche di enorme stress.

1 – La fase di confusione: gioia felicità, dubbi, domande e “trasmissione dell’ansia” da parte della comunità femminile.

Dopo un primo momento di stordimento ed incredulità, arrivano le prime emozioni: felicità, trepidazione, ansia, paura, ma soprattutto tante domande, che spesso, purtroppo, trovano risposte inadeguate o peggio incontrano gli stereotipi popolari sulla gravidanza, che non fanno altro che aumentare le ansie, le paure e i dubbi.

Alcune persone, (amici, parenti, conoscenti, negozianti e addirittura estranei) soprattutto le donne e le madri, non appena le informerete o sapranno che siete incinta, si sentiranno autorizzate a darvi il loro parere, raccontarvi la loro tragica esperienza, mettervi in guardia da eventuali pericoli, ma aihmè come spesso accade, a scaricare su di voi ansie e frustrazioni che loro stesse hanno ereditato quando erano incinta. Non importa che voi abbiate o no chiesto pareri o consigli: loro ve li daranno, perchè “ci sono già passate”, vi inseguiranno e vi terrorizzeranno con il sorriso sulle labbra, terminando i loro racconti tragici e spaventosi con la frase: “comunque devi essere felice perchè questo sarà il periodo più bello della tua vita”…. “Ah! davvero? pensa se Continua a leggere →