Dott.ssa Silvia Michelini     psicologiacoppia@gmail.com

Chiama: +39 339 8873385

 

imagesEIACULAZIONE PRECOCE NON SEMPRE UN PROBLEMA MEDICO!

Con il termine eiaculazione precoce si fa riferimento alla difficoltà o l’incapacità da parte dell’uomo di esercitare un controllo volontario sull’eiaculazione.

E’ un disturbo abbastanza frequente, che almeno una volta nella vita, qualsiasi uomo ha sperimentato, soprattutto in età adolescenziale, durante le prime esperienze sessuali, che lo espongono inevitabilmente a un maggiore stress ed ansia da prestazione.

Accade spesso, infatti, che l’adolescente alle prime armi, abbia rapporti sessuali “brevi” e cioè faccia difficoltà a controllare l’eiaculazione al primo rapporto con la sua partner, ma nel contempo, abbia dei tempi di latenza ristretti  e che quindi poco dopo sia nuovamente pronto ad avere un rapporto con una durata e una percezione di soddisfacimento adeguata da parte di tutti e due i partner.

In questo caso non è possibile parlare di eiaculazione precoce.

sesso-coppia_470x305

Si fa distinzione tra eiaculazione precoce primaria, se il disturbo si è verificato sin dall’inizio della vita sessuale del soggetto e secondaria se il disturbo è intervenuto in un secondo momento, dopo un periodo di vita sessuale appagante e soddisfacente.

Si parla poi di disturbo generalizzato o situazionale a seconda che si presenti indistintamente nella vita del soggetto oppure solo in determinate circostanze o con determinate partner.

Come si diagnostica?

Masters & Johnson sostenevano che un uomo soffre di eiaculazione precoce se eiacula prima che il partner raggiunga l’orgasmo in più della metà dei rapporti sessuali.

In seguito sono stati identificati altri criteri per definire l’eiaculazione precoce, ad esempio la durata del rapporto sessuale, la percezione di controllo sull’eiaculazione, la soddisfazione del partner e della coppia..etc…

Recentemente, ci si è basati su un criterio temporale, secondo il quale chi è affetto da eiaculazione precoce eiacula, mediamente in un tempo inferiore al minuto rispetto all’inizio della penetrazione.

E’ chiaro che questo è un criterio arbitrario, perché non racchiude tutti quei casi in cui vi è un rapporto con durata superiore al minuto, ma vi è anche una grande insoddisfazione da parte della donna, dell’uomo o della coppia stessa.

172877

Quali sono i criteri per riconoscerla?

Certamente ci sono dei fattori che sono implicati nel disturbo, come  l’età, l’emozione trasmessa dal partner, la frequenza e la durata dei rapporti, ma in linea generale e senza troppi tecnicismi, essere soggetti ad eiaculazione precoce significa raggiungere l’orgasmo prima di quanto si sarebbe voluto fare e spesso prima di aver trascorso con la partner tutto il tempo che si desiderava.

Non è nemmeno corretto prendere di esempio l’orgasmo della partner, perché se questa ad esempio ha necessità di venti minuti almeno di rapporto per essere appagata e l’uomo raggiunge l’orgasmo dopo quindici minuti, non è possibile parlare di eiaculazione precoce, tuttavia, l’uomo si sentirà frustrato, perché non si è saputo controllare come voleva.

Cause

Le cause dell’eiaculazione precoce possono essere di tipo organico o di tipo psicologico.

I media, attraverso una pubblicità ingannevole in cui si vedono due cerini insieme, nei quali uno prende fuoco troppo rapidamente, stanno infondendo in tutti gli uomini italiani, la convinzione che l’eiaculazione precoce sia prettamente un disturbo medico, ma non è così! la maggioranza dei disturbi eiaculatori maschili sono di tipo psicogeno. Purtroppo dietro a questo disturbo che tocca un aspetto asssai caro agli uomini, la loro virilità, ci sono moltissime persoen che cercano di lucrare proponendo rimedi della nonna, pozioni, libri, pillole e altri vani escamotage per evitare la terapia e quindi giocano sulla paura dell’uomo di andare dallo psicologo e dirgli “salve, ho questo problema..”

pubblicita-eiaculazione-precoce

Le cause organiche possono essere riferite ad ipersensibilità del glande, eventualmente accentuata da anomalie anatomiche esterne come la fimosi e il frenulo del pene corto, oppure a processi infiammatori come prostatite e vescicolite.

Vi sono poi patologie mediche associate all’eiaculazione precoce come la sclerosi multipla o il diabete mellito o altre patologie a carico della colonna vertebrale o del pene.

La causa quindi, può essere di natura biologica, ma il più delle volte è psichica;

Per quanto riguarda le cause psicologiche, si instaura un meccanismo vizioso per il quale, l’uomo vorrebbe controllarsi, ma fa difficoltà a riconoscere quel momento definito di “non ritorno” in cui l’eiaculazione poi si innesca in modo automatico.

Una volta avvenuto questo episodio, l’uomo avrà molta ansia al rapporto successivo e l’ansia contribuirà ad innescare il circolo vizioso.

Ovviamente la reazione del partner è determinante nel contribuire quale fattore facilitante o ostacolante, ma in ogni caso l’uomo si sentirà colpito nella sua identità maschile.

Un altro aspetto peculiare è rappresentato dall’impegno che questi uomini mettono nel cercare di distrarsi dai contenuti erotici, soprattutto prima dell’orgasmo, ma inevitabilmente non riescono a controllarsi.

L’ansia alla base di questo meccanismo vizioso è riconducibile a vari fattori e non ad uno solo:  traumi sessuali infantili, avversione nei confronti del femminile, divergenze di coppia, carenza di autostima,  paura dell’abbandono e del rifiuto,  ansia da prestazione, difficoltà ad esprimere le proprie emozioni, fattori psicologici predisponenti…. e via dicendo.

eiaculazione_precoce_3

Trattamento

Quali sono le terapie?

Ci sono terapie sessuali specifiche, come ad esempio la terapia “stop & start”, che si può associare all’uso di un farmaco idoneo.

sistema-start-and-stop

Questa terapia consiste in una serie di esercizi, che l’uomo deve eseguire insieme alla partner e che sono finalizzati al raggiungimento di un maggiore controllo.

In questi esercizi l’uomo deve raggiungere un’ erezione, ma si deve fermare prima di giungere all’eiaculazione, aumentano la capacità di tolleranza all’eccitamento.

In tal senso ci sono anche moltissimi esercizi che provengono dalle filosofie orientali come quelle tantriche, nei quali i due partner sviluppano una maggiore intimità, si guardano negli occhi seduti l’uno di fronte l’altro, nudi e si accarezzano, si stimolano, ma senza mai raggiungere l’orgasmo.

 TransparentTantra_8

I farmaci sono solo sintomatici, per questo la sola assunzione del farmaco, qualora il disturbo sia di origine psicogena è inutile. Inoltre non va assunto se non dopo una diagnosi, nella quale prima si devono escludere fattori medici, per i quali appunto occorre intervenire sulla casua medica e poi si valutano quelli psicologici.

Si consiglia, in tutti i casi, di integrare una terapia sessuologica alla quale abbinare anche una terapia di coppia, poiché alla base di questo disturbo, qualora si verifichi in coppia, possono esserci dinamiche conflittuali latenti e scarse capacità comunicative.