Tag: fine di un amore

Inaffidabilità e seduzione manipolatoria nel narcisismo patologico

Inaffidabilità e seduzione manipolatoria nel narcisismo patologico

 Il fascino dell’amor che fugge

Chi si innamora di un/una narcisista o comunque di partner psicologicamente disagiati, è  – con tutta probabilità – vittima di un’antica ferita di abbandonica, spesso inflitta proprio da genitori narcisistici e in età adulta, prosegue a causa della ripetizione di coping relazionali malati (coazione a ripetere) a ricercare partner anaffettivi, svalutanti o comunque abusanti, a livello psicologico e/o anche fisico.

Ciò che i partner dei narcisisti affermano spesso è di “non riuscire a resistere al loro fascino”, che, per quanto inaffidabili e anaffettivi, è per loro un elemento essenziale per provare attrazione sessuale o mantenere vivo il desiderio o per accrescere il loro senso di onnipotenza.

In amore quindi, vince chi fugge? Per gli immaturi si.

I partner dei narcisisti non si accorgono, che dietro a un amore malato, si cela un loro desiderio inconscio di riparazione, un intento egoico curativo: “io ti salverò” e tanto più l’oggetto amato si manifesta come inadeguato, sofferente, sfuggente, tanto più l’altro si ostina in modo cieco ed ossessivo a volerlo aiutare o comunque a tollerare i suoi comportamenti in nome di un “amore vero”, con l’inconscia aspettativa che arriverà poi l’eterna gratitudine o la redenzione del partner.

Questo tipo di relazioni malate (con un/una narciso/a, un/una border, un/una immaturo/a infedele o seduttore seriale più o meno gravi) sono sbilanciate, perché vedono da un lato chi cura e dall’altro chi riceve le cure.

Perché ci innamoriamo di partner psicologicamente disagiati?

La vittima in genere, mette in atto schemi masochistici e auto-sacrificali (più o meno gravi) con intenti auto-lesionistici, (più o meno gravi), che si tramandano di generazione in generazione oppure è abituato/a ad essere abusato psicologicamente perché ha fatto da genitore ai suoi genitori.

Il problema è che “l’inaffidabilità” è un tratto che emerge solo dopo che la persona è entrata in relazione con l’altro, questo perché i narcisisti sanno come mostrarsi la donna o l’uomo ideale dell’altro, quando poi sono certi di averlo/a conquistata iniziano a togliersi alcune maschere e ad indossarne altre, una tra tutte il vittimismo.

I narcisisti sono dei simulatori per eccellenza, simulano qualsiasi cosa: interesse, preoccupazione, amore, affidabilità, simpatia…un po’ come un predatore si mimetizza per confondersi con la natura e ingannare la preda.

Lowen ( Il narcisismo, l’identità rinnegata, Feltrinelli, Bologna,1983), asseriva che i narcisisti sono “simulatori per eccellenza”, perché di base non hanno un’identità, la loro vera identità è stata rinnegata, per questo, vivono incarnando un Falso Se e questo tratto è tanto più grave quanto più sono gravi si pensi ai volti innocenti e inespressivi, all’ostinazione della negazione di aver commesso l’atto, ai pianti isterici degli assassini gravemente psicopatici, che ingannano avvocati, psichiatri, parenti..

(vedi ad esempio il caso di FRANCESCA BARTOLI).

Narcisismo sano e Narcisismo Malato

I narcisisti vi incolperanno di non essere abbastanza presenti, abbastanza premurosi, abbastanza interessanti “abbastanza”, oppure di essere eccessivamente richiestivi in momenti per loro dolorosi; per questo non è mai il momento giusto per voi di ricevere amore: una volta sono preoccupati/e per il lavoro, una volta per un parente… in ogni caso esiste sempre una scusa mossa a celare la loro incapacità di amare e per convincervi giorno dopo giorno che la colpa è vostra.

Il narcisista maligno vuole nutrirsi dell’altro (partendo dall’abuso psicologico finanche all’omicidio o alla sadica tortura), sceglie qualcuno che ammira o che soddisfa il suo desiderio sessuale, qualcuno che lui/lei stima ma che si disistima, qualcuno che vorrebbe essere, lo/la fa innamorare e mantiene sempre il legame a fini utilitaristici e manipolatori, usando la finzione, la menzogna, l’inganno, la simulazione.

Il narcisista benigno (per modo di dire) invece seduce, consuma (non sempre, spesso gli basta l’idea che potrebbe farlo e che voi appunto siate innamorati/e) e poi scappa, si dilegua, non risponde alle vostre richieste emotive per poi ricomparire con qualche suo desiderio da soddisfare unito a qualche plausibile scusa, che vi vede tuttavia sempre colpevoli e l’uomo in questo, rispetto a quanto si possa sospettare è molto meno sadico, perché non approfitta materialmente, mentre la donna narcisista è spesso interessata ai vantaggi economici dell’uomo oppure solamente a prenderne il seme e a gettarlo dopo l’uso.

Il confine tra narcisismo sano e patologico è difficile da tracciare, perché nel parlare di narcisismo non si può non considerare la fase evolutiva in cui si trova una determinata persona e contestualizzarla in un sistema socio-culturale.

La nostra è una società narcisistica, rinforzata dai messaggi più o meno espliciti dei mass media: successo, fama, felicità, potere….morte, abbandono, perdita non sono contemplati.. Dato questo ambiente culturale, sostiene Gabbard che “è spesso problematico determinare quali tratti indichino un disturbo di personalità narcisistico e quali tratti siano dei semplici adattamenti culturali” (Gabbard, 1995, pag. 468).

Coppia in crisi a letto

 

Invidia, ricatti affettivi e desiderio di punizione del narcisista

I narcisisti si comportano nella coppia o in famiglia (ci sono molti genitori seduttivi e ambivalenti che usano i figli solo a scopi egoistici)  come se vivessero con un papabile nemico da controllare, gestire. Intimamente invidiano l’altro perché sa amare o perché appunto è felice, vive.. è vivo ha una sua personalità o molto cuore e per questo desiderano punirlo.

Quando si accorgono che l’altro sfugge, si rimettono la maschera del buono, della brava compagna sottomessa, della madre/padre ideale.. e poi puff una volta raggiunto l’obiettivo parte il rapido voltafaccia che vi tiene in COSTANTE ALLERTA.

I narcisisti, utilizzano la seduzione (spesso a tratti isterici) per INTRUDERE NELLA VOSTRA SFERA EMOTIVA e succhiare energia a tradimento e utilizzano anche i ricatti affettivi sulla base del ruolo che ricoprono “sono tua moglie”, “sono tua madre”, “sono tuo padre”… senza minimamente preoccuparsi se loro questo ruolo sono degni di incarnarlo o se ne sono degni (sono egosintonici cioè non avvertono né sensi di colpa, né fastidio rispetto alle loro incoerenze).

Il narcisista non vuole vedere la sua ferita abbandonica e non vuole affrontare la sua rabbia primaria, per questo la rivolge su se stesso/a (cinismo, svalutazione esasperante) oppure la esprime nell’inconscio desiderio di distruggere quello che non riesce a essere, come un/una bambino/a viziato/a che non essendo capace di disegnare come il suo amico, distrugge il suo quadro attirandolo con la bugia di volergli essere amico o di voler imparare da lui a dipingere, per poi iniziare a criticarlo su come lo fa e come lui/lei saprebbe farlo meglio.

coppia_in_crisi

Perchè l’amore finisce?

Perché l’amore finisce?

fine-di-un-amoreChi non si è mai posto questa domanda?.

Quali sono le motivazioni del fallimento e a chi o a che cosa possiamo imputarle?

I divorzi e le separazioni sono in costante aumento; si possono cercare molte spiegazioni e trovare molte griglie di lettura: ma è importante capire ed analizzare alcune ipotesi di ricerca dell’evento “separazione”, al fine di apprendere quanto più possibile da questa esperienza.

Fra i molti approcci possibili, ne ho individuati almeno tre: uno psicologico, l’altro più legato al tempo, il terzo infine, di tipo culturale.

 

Motivazioni Psicologiche
Le teorie psicologiche sia quelle più datate che quelle più recenti, imputano il fallimento della coppia al prevalere dei “giochi” della collusione rispetto al desiderio di far sopravvivere il progetto. I “giochi di coppia” di cui si parla anche in questo blog sono l’intreccio che deriva dalle aspettative psicologiche infantili dei due partner circa la coppia, aspettative che spesso riguardano l’illusoria ricerca della COMPLETEZZA.

Tuttavia la relazione di coppia implica un dare oltre che un avere e molto spesso si proietta sul partner il desiderio dell’uomo o della donna perfetta, incolpandolo/a poi di non rispettare questi canoni. Altre aspettative sono quelle di recuperare l’amore, la stima o l’affetto che non si è ricevuto in infanzia, ma anche questa aspettativa resta delusa, perchè la relazione di coppia è tra due adulti che hanno un grado di maturità sufficiente tale da permettere il passaggio dalla personalità bambina a quella adulta a quella genitoriale. Una persona che cerca sempre di essere il bambino o sempre il genitore o solo l’adulto nella relazione prima o poi fallisce poichè si crea UNO STALLO nelle dinamiche di comunicazione e i GIOCHI che inizialmente ci hanno atratto, perchè erano adatti al nostro grado di maturità, ora ci stancano.

Per cui se la coppia si fissa sui giochi e solo su determinate modalità di comunicazione, iniziano i drammi, i conflitti e i possibili tradimenti, soprattutto se uno dei due si stanca di giocare a mamma e figlio, vittima e carnefice o ad altri giochetti simili che si verificano molto spesso nella coppia.

matrimoni falliti-02-02-12
Il tempo
Le relazioni falliscono perché la scelta è stata fatta in base a quello che conta di più nell’immediato e non a quello che conta di più nel lungo periodo. E’ come dire che non abbiamo preso bene le distanze! (guardare al futuro). Crescendo ed evolvendo, cambiano desideri e progetti, che non sempre sono condivisibili. Se la coppia non condivide una progettualità comune, inevitabilmente anche amandosi, entrerà in forte contrasto e alla fine uno dei due cercherà di realizzare se stesso altrove.
La relazione tende a finir male se non c’è corrispondenza tra quello che si vuole dall’altro e quello che si pensa di riceverne: chiunque ha amato senza essere ricambiato altrettanto, sa quanto può essere frustrante. Alle volte si potrebbe consigliare di ridurre le proprie aspettative e diminuire il proprio coinvolgimento: ma è un consiglio difficile da seguire. Siamo davvero così sprovveduti da fare sempre la scelta sbagliata? Probabilmente no: il fatto è che sceglie troppo spesso in base a quello che conta di più nell’immediato.
Ma quello che conta nel lungo periodo è diverso: i fattori che contano cambiano, cambiano le persone e cambiano le relazioni. Ci sono cose che è difficile giudicare all’inizio di una relazione: l’idea che l’amore vinca tutti gli ostacoli è molto romantica, ma poco reale.
Quando si devono prendere delle decisioni, quando arrivano i figli e si devono fare alcune scelte, una cosa che sembrava poco importante, lo diventa. Altri fattori invece nel lungo periodo diventano secondari: come l’idea che l’altro sia “interessante” (all’inizio c’è il timore che se cala l’interesse la relazione svanisce).
In realtà quasi tutto tende a diminuire col tempo (nelle coppie studiate statisticamente): calano la capacità di comunicare, l’attrazione fisica, il piacere di stare insieme, gli interessi in comune, la capacità di ascoltare, il rispetto reciproco, il trasporto romantico; ciò può essere deprimente, ma è importante fin dall’inizio sapere che cosa aspettarsi col tempo, avere aspettative realistiche circa quello che si potrà ottenere e quello che finirà con l’essere più importante a lungo andare.
Motivazioni di Tipo Culturale
Questo approccio, per capire la crisi di coppia, è stato sviluppato dal Prof. Mario Bertini dell’Università di Roma. Bertini fa notare che ognuno di noi ha delle aspettative irrealistiche rispetto al matrimonio/convivenza.
E’ la cultura romantica dei fiori bianchi, dell’abito bianco di nozze, della fedeltà reciproca a tutti i costi, della felicità di stare insieme… (eppure anno dopo anno, aumenta la conflittualità, la coppia è sempre più in crisi).
E’ come se la coppia dicesse: “Dopo tanto laborioso cammino, finalmente siamo approdati a questo meraviglioso giardino recintato dove tutto si può godere. Protetti dal nostro amore e dalla consistenza del contratto.
Il compito che ci sta davanti è finalmente quello di godere “consumando” insieme tutto quello che ci viene chiesto è di rispettare le regole di non uscire dal recinto e di sacrificarsi l’un l’altro, sicuri che l’amore riuscirà a far superare ogni ostacolo”.
E’ un atteggiamento di base dettato dal consumismo.

sexoamor

Questi sono alcuni dei possibili motivi e tu cosa ne pensi?

richiedi l’ebook gratuito “la relazione di coppia” scrivi a psicologiacoppia@gmail.com