Tag: non riesco a fare sesso

Il sesso come danza

La sessualità è una danza sincronica alla base della quale c’è una condivisione di emozioni, la percezione di accessibilità dell’altro, la sensazione di sicurezza.
Se vi è evitamento, isolamento, paura, il sesso diviene fine a se stesso, consolatorio, “evitante le emozioni”.

“Il sesso è una conversazione in altri termini”.

Il sesso è  un dialogo emotivo sincronico.
Il sesso non può essere scisso dalla sensazione di trovarsi al sicuro.

La dottoressa Silvia Michelini sarà presente al convegno internazionale SESSUALITÀ E RELAZIONI, che si terrà a Roma il 22/23/24 aprile, grazie all’Istituto di Scienze Cognitive.

Il metodo Lei e Lui ideato dalla dottoressa Michelini si focalizza sullo stile di attaccamento (sicuro/insicuro-evitante/ambivalente) con l’obiettivo di sostenere i partner nella scoperta di una vera intimità, fatta di condivisione, sensazione di sicurezza e capacità di intercettare i segnali emotivi dell’altro, come in una danza sincronica di EMPATIA E AFFETTIVITÀ, contraria alla visione narcisistica della coppia incentrata solo sul sesso come consolazione conferma egoica e prova del proprio valore come donna/uomo.

Se anche tu sei stanco di litigare, sentirti solo all’interno della coppia, in un continuo paradosso di avvicinamenti ed allontanamenti. Se anche tu senti di indossare un’armatura.

ricorda che puoi ancora sentirti LIBERO/A E VIVO/A.

contattaci per richiedere una consulenza

3398873385 – psicologiacoppia@gmail.com
Continua a leggere →

Le disfunzioni erettili maschili

Difficoltà di mantenimento dell’erezione durante il rapporto sessuale.

picasso
L’erezione è un riflesso neuro vascolare che dipende sia da fattori fisici che psicologici; tra i fattori fisici vi è un buon equilibrio ormonale, una sana anatomia del pene, una buona salute vascolare e un sistema nervoso integro. Tra i fattori psicologici vi è invece un buon rapporto con la figura femminile in generale e con la partner con cui si fa esperienza sessuale, una buona capacità di gestire l’ansia e lo stress (coping: ansia da prestazione, periodi di forte stress lavorativo o fisico), la capacità di gestire pensieri negativi associati al sesso e/o ad esperienze sessuali non soddisfacenti, un buon livello di autostima, un’educazione sessuale non repressiva, l’assenza di traumi sessuali pregressi o tabù di tipo sessuale, l’assenza di recenti traumi affettivi (perdite, lutti..etc).
La maggior parte dei disturbi erettili maschili sono dovuti a cause psicogene, a forti periodi di stress e spesso a pensieri ed emozioni negative, che si presentano in seguito ad alcuni tentativi fallimentari e che si associano all’esperienza dando origine ad un circolo vizioso che può esitare anche nell’evitamento dell’attività sessuale stessa. (paura, ansia). Continua a leggere →